Il Monte Olmi della famiglia Tedeschi trova le note giuste

Quali vini Amarone si ottengono dal terreno di Monte Olmi? L’azienda vinicola della famiglia Tedeschi è ricca di storia e tradizioni familiari che portano la cantina in un’epoca moderna.

Di Francesca Ciancio
Mon, May 17

161 Visualizzazioni


tagAlt.Tedeschi family portrait BW Cover 20211705
tagAlt.Tedeschi Maternigo Anfitheatre vineyards 1 tagAlt.Tedeschi family in aging cellar 2 tagAlt.Vigneto Monte Olmi 3 tagAlt.Cantina Tedeschi aging barrels 4

Non sono tante le etichette che possono festeggiare l'oltre mezzo secolo di vita, ma le aziende storiche italiane per fortuna sono tante e questo obiettivo non è poi così irraggiungibile. Tra queste c'è la realtà veneta Tedeschi, il cui Amarone della Valpolicella Capitel Monte Olmi è ormai più vicino alla sessantina che alla cinquantina.

Era infatti il 1964 quando Lorenzo Tedeschi intuì che bisognava concentrarsi su parcelle specifiche di vigneto per dare vita a vini di prestigio. La sua scelta ricadde sul vigneto monte Olmi, dando origine a questo vino che negli anni è diventato il portabandiera dell'azienda.

Un vigneto davvero storico, acquistato nel 1918 nella frazione Pedemonte a San Pietro in Cariano, grande due ettari e mezzo con esposizione sud-ovest e su un terreno di argilla e calcare. Altra sua peculiarità è la struttura a terrazzamento che consente la perdita di acqua in caso di piovosità abbondante.

Si tratta di un appezzamento a pergola con una densità bassa di piante - 3500 piante per ettaro dai 25 ai 45 anni di età - che è un vero tributo all'ampelografia veneta: Corvina, Corvinone, Rondinella, Oseleta, Dindarella. Le uve vengono vendemmiate a mano e poi lasciate appassire per 120 giorni.

Dopo la pigiatura e la fermentazione, il mosto affina dai 36 ai 48 mesi in legno grande e fa ulteriori sei mesi di bottiglia prima della commercializzazione.
 

 

QUATTRO SECOLI DI VINO

Siamo partiti dal vino, ma il retroterra ha ben quattro secoli di storia, tanti quanti sono gli anni dell'azienda Tedeschi, dal 1630 profondamente legata alla Valpolicella e al vino di questo territorio. La realtà ha ancora un impianto familiare dove Lorenzo continua a occuparsi dell'azienda, la cui gestione è passata ai figli Antonietta, Sabrina e Riccardo.

In questo modo il passato lungimirante è diventato un presente di investimenti costanti, come il centro di appassimento a Pedemonte nato 20 anni fa, l'ampliamento della zona di vinificazione per concentrarsi sulle uve provenienti dai diversi appezzamenti, il parco botti, tutto rinnovato con rovere di Slavonia da 1000 a 5000 litri.

Il 2010 invece segna una svolta importante in campo agronomico, perché la famiglia investe sulla zonazione dei possedimenti di Maternigo e delle zona Classica. Nel tempo è stato portato avanti un processo di inerbimento per rafforzare le difese naturali del vigneto, un piano di controllo dello stress idrico, un innalzamento del contenuto di carbonio organico, un arricchimento del terreno mediante semina di particolari essenze e l’apporto di concimi organici.

Tra i filari ci sono particolari sensori a forma di foglia di vite che hanno il compito di misurare il grado di umidità e di bagnatura fogliare e di scongiurare l'attacco di patogeni legati all'eccessiva presenza di acqua. Nel tempo è stata modificata anche la forma di allevamento per migliorare lo stato di salute delle chiome delle piante così come si è adottata la lotta integrata contro insetti come la tignola e malattie come  peronospora e oidio.

 

IL PROFUMO DEI VINI E DEL MONTE OLMI IN PARTICOLARE

I Tedeschi sono partiti dall'assunto - vero - che i terreni possono influenzare gli aromi dei vini. Hanno così studiato la caratterizzazione aromatica dei vigneti a seconda dei suoli. Dalle ricerche è emerso che la frazione calcarea dona intensità e complessità aromatica; ossidi di ferro e manganese favoriscono le note speziate e di frutta rossa, come amarena e ciliegia; al tempo stesso la frazione sabbiosa del terreno accentua le note di frutti di bosco, ribes e lampone.

La presenza di argilla nel terreno, unita a minerali ferrosi e manganesiferi, conferisce vini strutturati, di grande longevità, con buon estratto e contenuto tannico, oltre a vini ricchi di colore. Lo scheletro, inoltre, trattiene l’acqua rilasciandola lentamente insieme ai sali minerali. Le tessiture pedologiche sono spesso mixate tra loro ed ecco perché alcuni suoli sono la base di vini di grande complessità.

È il caso dell'Amarone Monte Olmi, da sempre un'etichetta che punta sull'armonia e sull'eleganza, sull'intensità di frutti come ciliegia, ribes e lamponi, sulle note terziarie di liquirizia, tabacco e caffè, sulla robustezza di una beva senza dubbio potente e carnosa, ma che non fa sconti ad un’acidità ben presente nel calice che lascia immaginare un lungo invecchiamento.

 

TEDESCHI, PARTE DI QUALCOSA DI PIU’ GRANDE

La grande storia alle spalle non deve essere mai un peso ma un'opportunità. Un concetto che un po' il motore de Le Famiglie Storiche, l’Associazione nata nel giugno del 2009 dall’unione di dieci aziende della Valpolicella, tutte presenti nel “mondo Amarone”: Allegrini, Begali, Brigaldara, Guerrieri Rizzardi, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Torre, D’Orti, Venturini e Zenato.

Proprio l'Amarone è al centro del loro impegno, sia in termini di tutela artigianale che di promozione e valorizzazione. Il "nemico" da battere è l'Amarone di largo consumo che ha spopolato non poco tra gli scaffali della grande distribuzione e, peggio ancora, nell'italian sounding delle false etichette all'estero. Tra le finalità associative non c'è quella di fare di questo vino qualcosa di nicchia, ma certamente di preservarne l'unicità.

In questo concetto rientra anche quello di riconoscibilità, dove tutti i soci membri, con le loro storie, sono una testimonianza concreta di quanto questo vino non sia replicabile altrove grazie al territorio che gode delle brezze del lago di Garda e della protezione dei Monti Lessini dalle correnti fredde; grazie alle uve autoctone, tipicamente veronesi, al sistema di allevamento, in molti casi ancora a pergola.

L’Associazione, complessivamente commercializza 2,2 milioni di bottiglie di Amarone, circa il 16% della produzione totale, per un fatturato complessivo di 70 milioni di euro, il 20% del totale delle vendite della DOCG, di cui l’80% destinate all’export.


Per ulteriori informazioni sull'azienda vinicola Tedeschi, non perdetevi Tedeschi, o della storia della Valpolicella di Andrea Grignaffini.   Filippo Bartolotta, esperto di vini italiani, dà un'occhiata alla selezione del vino Monte Olmi per vedere cosa lo rende un vino che vale la pena assaggiare oggi.  Andate a leggere la pagina della cantina Tedeschi per saperne di più sulla storica cantina della Valpolicella.

Non dimenticare di registrarti alla newsletter settimanale di Mamablip per ricevere aggiornamenti su tutti i nuovi articoli del blog di Mamablip, ricette e altre notizie sul vino dall’Italia.


all.sign in to leave a review

tagAlt.Monti Olmi dried grapes 5 tagAlt.Capitel Monte Olmi Amarone DOCG Classico Riserva 6 tagAlt.Vigneto Fabrisera 7 tagAlt.Isa Mazzocchi Collage Cover

Isa Mazzocchi ispira la nuova vita a La Palta

Scopriamo come Isa Mazzocchi si è guadagnata il premio Michelin Chef Donna del 2021. L'approccio raffinato fa del ristorante La Palta di Piacenza un luogo da visitare.

18/06/2021 | 21 views
Di Andrea Grignaffini
tagAlt.Valtellina wines countryside Alps Cover

Il Nebbiolo che scala le montagne, i vini di Valtellina

La Valtellina, nel nord Italia, produce formaggi strepitosi e vini indimenticabili. Scoprite cosa rende il Nebbiolo Alpini della Valtellina così delizioso.

16/06/2021 | 46 views
Di Francesca Ciancio
tagAlt.Italian breads specialty pizza Cover 20211406

L'Italia del pane: focacce; pizza; piadine… Una varietà incredibile

Scopri un mondo di prodotti da forno italiani. Da nord a sud, le specialità di panificazione italiana fanno parte di un incredibile mondo culinario che aspetta di essere assaggiato.

14/06/2021 | 71 views
Di Lele Gobbi
tagAlt.Cheese Festival Bra Cover

Cheese: Non solo un cibo ma una fiera di sapori

Il formaggio come risveglio culturale e parte della nostra cultura culinaria di base. Cheese, come festival enogastronomico del Piemonte, porta la degustazione e l'apprendimento a nuovi livelli.

11/06/2021 | 84 views
Di Lele Gobbi
tagAlt.Claudio Cerati Upstream Cover

Creando il gourmet Upstream - il sogno di Claudio Cerati

Anche se il salmone non è indigeno, un prodotto artigianale sta aprendo strade nuove per gli amanti del gourmet. Scopri l'approccio al salmone affumicato Made-in-Italy.

09/06/2021 | 53 views
Di Andrea Grignaffini
tagAlt.Montepulciano Terre Tasting Cover

Il Rinascimento enologico nelle Terre di Siena

Degustazione di nuove uscite nell'area dei vini di Montepulciano. Sia il Nobile che la Riserva di Montepulciano alzano il tiro per l'annata 2018 dei vini toscani pregiati.

07/06/2021 | 56 views
Di Filippo Bartolotta
tagAlt.Jessica Rosval cooking Cover

Chef canadese alla guida del prestigioso Bottura Casa Maria Luigia

In un ambiente dominato dagli uomini, Jessica Rosval dimostra che il luogo di nascita è solo una nozione. Rompendo i cliché, una chef donna sta mettendo la bocca dove sono le sue passioni.

04/06/2021 | 106 views
Di Andrea Grignaffini
tagAlt.Enjoying Vermouth cocktails Cover

Il Vermouth, simbolo della produzione liquoristica-enologica italiana

Imparare i fondamenti del vermut italiano aromatico. Una specialità liquoristica italiana spiegata - ora capiamo la passione italiana per il Vermouth.

02/06/2021 | 128 views
Di Lele Gobbi
tagAlt.Taste the Alps Ciopponi Cheese Cover

Ma quanto è buona la Valtellina: l’outdoor nel piatto

Fai una passeggiata tra le delizie dell'area alpina lombarda della Valtellina. Formaggi, latticini e specialità agricole rendono la Valtellina un luogo da visitare immediatamente.

31/05/2021 | 95 views
Di Francesca Ciancio
tagAlt.Lake Garda Cooking Cover

La cucina nel lago di Garda

Esplora le specialità che rendono la cucina del lago di Garda così famosa. Una deliziosa scoperta dell'immensa storia e del patrimonio culinario del Lago di Garda.

28/05/2021 | 103 views
Di Lele Gobbi