Che cosa è il Marsala? Tutto quello che dovete sapere sul vino di Marsala

La versione più accreditata sulla nascita del Vino Marsala come vino liquoroso (o fortificato) è incentrata sulla figura del commerciante inglese John Woodhouse il quale nel 1773 approdò con la nave su cui viaggiava nel porto di Marsala.

Di Nina Bernheim
Apr 06, 2020
tagAlt.marsala

Vino Marsala, storia e origine 

Per cosa è famosa la città di Marsala?

Marsala, terra di miti stupendi, di rovine favolose e di provocanti specialità enogastronomiche che continuano ad affascinare e a catturare l'immaginazione e le papille gustative moderne. Lo fa da sempre. Marsala non è mai una città incline ad essere invasa da forze o influenze esterne, ma è comunque stata a lungo un punto di accoglienza di nuovi sapori, culture e prospettive come solo le città portuali possono essere. 

 

A lungo desiderata dalle principali forze culturali ed economiche che cercavano di entrare in Sicilia e nell'Italia continentale, Marsala ha nel tempo mantenuto impavidamente l'indipendenza da culture esterne potenti come quelle dei Fenici, Greci, Vandali, e anche le potenti forze navali inglesi. Solo nella storia più recente, subito dopo le guerre napoleoniche dell'inizio del 1800 Marsala ha ceduto alla pressione esterna, sopportando un'occupazione di 15 anni da parte degli inglesi che speravano di contrastare gli elementi politici locali che cercavano di controbilanciare il dominio inglese nel Mar Mediterraneo.

marsala_sicily_20220509


Come è nato il Marsala?

Con tutti questi elementi diversi che spingevano e tiravano la cultura locale, nacque la moderna Marsala, e si sviluppò da un mèlange di diverse culture e abitudini, come vediamo in gran parte della Sicilia. Notoriamente uno dei prodotti locali più famosi di Marsala, il vino Marsala, trova la sua fama grazie ad una tempesta sferzante e un mercante inglese curioso ma in realtà ha radici molto più profonde di questo.

 

 Risalendo ai diari di Plinio il Vecchio, si parla di un delizioso vino fortificato. Il Mamertino, un vino molto apprezzato usato durante i banchetti e le feste per onorare gli ospiti è considerato il predecessore del Marsala. Le esportazioni di Marsala (o le versioni precedenti ad esso) sono anche menzionate dall'artista olandese Pier Paolo Rubens, che evidentemente ha spedito botti di vino ad Anversa alla conclusione del suo soggiorno a Marsala, nel 1600.   

marsla_old_wine_20220509

 

Dove viene prodotto il vino Marsala?

Abbastanza affascinante, la stessa produzione del vino di Marsala segue una tradizione regionale che risale a secoli fa. In linea con le prolifiche tendenze viticole dell'isola, le famiglie generalmente tenevano piccoli vigneti locali al fine di produrre piccole quantità di vini locali per uso privato. 

Questi primi vignerons utilizzavano parte delle migliori bottiglie di ogni annata per riempire i carateddu di famiglia, botti pregiate contenenti circa 26 litri di vino. I carateddus venivano riempiti ogni anno, permettendo alle diverse annate di fondersi e confondersi, presentando i migliori vini per intere generazioni. Questo metodo, simile al processo di invecchiamento spagnolo usato nella produzione del brandy, fu sviluppato e raffinato dai contadini siciliani, e i vini che ne derivavano fornivano il rinfresco agli eventi familiari più cari, e onoravano gli ospiti importanti.  

marsala_aperitif_2022050

 

Chi ha inventato il Marsala?

Il vino Marsala, una caratteristica classica di molte famiglie locali di Marsala e sorprendentemente assente dalle città vicine oltre Trapani, fu "scoperto" alla fine del 1770 in una fatidica coincidenza dal mercante e uomo d'affari inglese, John Woodhouse. Mentre navigava nella zona, una tempesta stagionale costrinse la barca di Woodhouse a cercare riparo nel porto di Marsala.

Durante un pasto in città, Woodhouse fu introdotto al meraviglioso, liscio vino invecchiato conosciuto localmente come Marsala. Woodhouse, riconoscendo l'innato potenziale del vino per un mercato inglese dove lo Sherry era già un attore principale, scelse di spedire diverse botti di vino Marsala in Inghilterra. 

 

Prima della spedizione, Woodhouse modificò il vino Marsala con l'inclusione di Brandy per aumentare i livelli di alcol del vino, rendendolo più forte e più stabile per la spedizione e per sopportare il lungo e potenzialmente pericoloso esodo verso il Nord per i partner di Woodhouse.

 

John Woodhouse e la storia del vino Marsala 

L'istinto di Woodhouse si dimostrò preciso, e la richiesta di ulteriori quantità e scorte fu richiesta quasi immediatamente. L'intuizione di Woodhouse introdusse altri produttori, incluso l'uomo d'affari inglese Benjamin Ingham, notevole per il suo ruolo di primo esportatore di vino Marsala nei mercati al di fuori dell'Europa. 

 

Ingham costruì anche uno dei primi baglios locali con l'obiettivo esclusivo della produzione di Marsala e non solo relegato ad una residenza familiare, fornendo fino a 40 successivi produttori di Marsala con una produzione eccellente da seguire. 

winery_florio_20220509

all.sign in to leave a review