Che cosa è il Trebbiano?

Il Trebbiano è l'uva più diffusa in Italia, e si coltiva anche in altri paesi. Trova molti utilizzi nel campo della distillazione, tra cui quella dei famosi Cognac della Francia sud-occidentale.

Di Lucie Robson
Jan 25, 2022
tagAlt.MamaBlip

Trebbiano in 30 secondi

  • Il Trebbiano è una delle uve bianche più comuni in Italia, producendo circa un terzo del vino bianco del paese.
  • È una varietà abbastanza neutra con un profilo fresco e fruttato.
  • Cresce rapidamente e facilmente, producendo alti rendimenti.
  • Appare in circa 80 DOC in tutta Italia.
  • Ha sette DOC dal nome unico, tra cui il Trebbiano d'Abruzzo e il Trebbiano di Soave.
  • È particolarmente rinomato in Umbria, dove è usato nel blend dell'Orvieto con altre uve bianche locali.
  • Può anche apparire in alcune miscele rosse.

Conoscere il Trebbiano

Il Trebbiano è una vigorosa famiglia di uve che cresce in tutta Italia. Per questo motivo, può essere difficile farsi un'idea del Trebbiano, dato che il nome comprende un ampio gruppo di cultivar bianche che provengono dall'Italia e appaiono anche in Francia.

 

Qui è conosciuto come Ugni Blanc e gioca un ruolo chiave nella produzione del Cognac. Mentre più del 95% del Trebbiano cresce in Italia, oltre l'Europa, piccole quantità crescono anche negli Stati Uniti e in Sud America. 

 

Naturalmente, questa ingombrante dinastia di uve è stata molto studiata dagli ampelografi! Infatti, attraverso il DNA, si deduce che ci sono numerosi tipi unici di Trebbiano che hanno tenui legami con altre uve del gruppo, o addirittura nessun legame.

 

Qualunque sia il loro ceppo però, le uve Trebbiano condividono alcune caratteristiche in comune. Sono tutte varietà bianche e la frutta è comunemente a maturazione tardiva. Inoltre, le viti sono robuste e possono prosperare in una vasta gamma di terroir.

 

In Italia, gli impianti più significativi nel centro e nel sud del Paese e il tipo più comune è conosciuto come Trebbiano Toscano.

L'Emilia-Romagna rappresenta la maggior quantità di quest'uva bianca, seguita dalla Puglia e dall'Abruzzo.

 

Il Trebbiano è un'uva molto popolare per i vini da tavola italiani perché le sue fresche e vibranti note fruttate lo rendono ideale per essere bevuto presto. Appare come l'uva dominante in numerosi tagli bianchi DOC e talvolta aggiunge vivacità al vino rosso toscano Carmignano.

 

Una DOC di spicco è Orvieto dove quest'uva è mescolata con Grechetto e Canaiolo Bianco. Notevoli DOCG che includono il Trebbiano sono il Frascati Superiore e il dolce Cannellino di Frascati.

 

Sapori del Trebbiano

Questa popolare uva mostra note di pesca, mela verde e limone, con accenni di mineralità ed erbe fresche. È fatto in stili fermi e secchi, presenta un'alta acidità rinfrescante e un tocco di mandorla amara sul finale. I livelli di alcol vanno dall'11,5% al 13,5%.

Gioca anche un ruolo negli stili Superiore e Dolce.
 

In breve, nonostante la sua produzione ad alto volume e con il suo carattere leggero e croccante, il Trebbiano fa davvero centro con aromi e sapori irresistibili.

trebbiano-grapes_20220125

 

Stili di vino Trebbiano

La maggior parte del vino italiano fatto da uve della famiglia Trebbiano è in uno stile fermo e secco.
 

Il Frascati Superiore è, come suggerisce il nome, una qualità più raffinata di vino bianco secco che è dominato da uve Malvasia e può contenere Trebbiano

 

Il Cannellino di Frascati è un vino delicatamente dolce ottenuto da frutta vendemmiata tardivamente e parzialmente colpita dalla botrite. La Malvasia è l'uva principale (70%) con fino al 30% dell'assemblaggio composto da specifiche uve bianche che possono includere il Trebbiano.

In Francia, la sorella del Trebbiano, l'Ugni Blanc è usata nella produzione di brandy e cognac.

 

Abbinamento con il Trebbiano

Il Trebbiano è un vino bianco leggero, rinfrescante, secco, versatile e adatto al cibo. La sua acidità funziona bene con cibi cremosi e grassi, ma si abbina anche a una serie di piatti leggeri che sono tradizionalmente adatti a vini bianchi delicati.

 

Basta evitare il cibo piccante perché l'acidità del vino creerà uno sgradevole effetto bruciante.

 

Naturalmente, i vini più dolci che presentano il Trebbiano si abbinano a uno spettro di cibi completamente diverso. Continuate a leggere per l'ispirazione!

 

Come vino bianco secco, il Trebbiano si abbina bene ai formaggi duri italiani, alla pasta ai frutti di mare e al pesto, alla pizza bianca, al pollo arrosto.

 

Trebbiano DOC e Frascati Superiore

Antipasti: 

  • Sardine marinate all'aceto;
  • bruschette;
  • torte di granchio;
  • salumi;
  • olive.

Carne e pesce

Vegetariano/ Verdure

  • Verdure arrosto;
  • piatti di pasta con sughi a base di verdure o salse cremose leggere;
  • qualsiasi ricetta con pesto verde o rosso.

Formaggio 

  • Parmigiano-Reggiano;
  • Ricotta; Fontina;
  • Taleggio.

Cannellino di Frascati

Grazie al suo palato delicatamente dolce, questo vino si abbina bene a ricette leggermente piccanti. Si abbina bene anche al Pecorino Romano o ai formaggi erborinati.

Dessert

  • Panna cotta ai frutti di bosco;
  • crostata di frutta;
  • torta di mele.
pasta_pesto_20220125

 

Origine

Come per molte uve italiane, la ricerca dell'origine del Trebbiano ci porta in un viaggio intorno all'Europa (e oltre) ma le sue radici definitive non sono state determinate.

Alcuni ricercatori sono convinti che provenga dal Medio Oriente e sia finito in Italia dopo aver viaggiato in Grecia e poi in Nord Africa durante l'Impero Romano.

 

Sottotipi di Trebbiano sono apparsi nella Bologna del 13° secolo e in Francia, indicando quanto ampiamente sia diffuso e coltivato!

 

In Italia, un tipo di Trebbiano è molto comune in Toscana (Toscano Trebbiano che abbiamo già incontrato) e in Umbria dove è chiamato Procanico. Anche il Lazio, la patria del Frascati, è una zona popolare per il Trebbiano.

 

Una ricerca italiana sul DNA del 2008 ha indicato una solida connessione tra Garganega e Trebbiano, ma i risultati non sono definitivi.

La trama si infittisce quando si aggiunge all'equazione l'analisi del DNA che mostra geni comuni nel Trebbiano e nell'Alionza, un'uva da vino dell'Emilia-Romagna.

 

Da qualunque parte provenga, il Trebbiano contribuisce significativamente all’enologia italiana attraverso semplici e freschi vini da tavola e a denominazioni distinte.

 

Come si fa il Trebbiano?

Trebbiano ancora secco

Quest'uva ha un frutto delicato, quindi l'obiettivo nella vinificazione è quello di preservare questi sapori. Questo, il più delle volte, significa processi anaerobici. In altre parole, la fermentazione avviene in acciaio inossidabile piuttosto che in rovere, per proteggere le caratteristiche di frutta fresca. 

 

Inoltre, il vino è fermentato a secco, quindi c'è un minimo di zucchero residuo, che gli conferisce croccantezza. È anche prodotto per essere bevuto giovane, quindi viene introdotto sul mercato abbastanza prontamente.

 

Frascati Superiore DOCG

I termini "DOCG" e "Superiore" sull'etichetta di un vino indicano che ci sono standard di produzione più stretti che portano a un vino di migliore qualità.

Nel caso del Frascati Superiore, le rese sono più basse rispetto ai vini normali e l'alcol è più alto. Il risultato è un vino più ricco, più potente e con una concentrazione di sapori.

 

Cannellino di Frascati

La chiave per rendere questi vini dolci sta nel vigneto. Le uve sono lasciate sulla vite più a lungo per accumulare maggiore zucchero e intensità di sapore. Le condizioni autunnali favoriscono anche lo sviluppo della muffa nobile o botrite.

 

Questo fungo "amichevole" aiuta a concentrare ulteriormente i sapori, gli zuccheri e aggiunge anche le sue note uniche al vino finito, che risulta generosamente fruttato, delicatamente dolce, ma comunque fresco.

 

Che tipo di vino è simile al Trebbiano?

  • Pinot Grigio, Italia.
  • Chardonnay non barricato (stile internazionale a clima moderato).
  • Soave, Italia.
  • Muscadet, Francia.
  • Airen, Spagna.

Fatti divertenti

  • Il Trebbiano è usato nella produzione di aceto balsamico.
  • Si usa anche nel Cognac e nell'Armagnac.
  • Condivide tre sinonimi con la cultivar bianca spagnola Viura.
  • In Francia, il Trebbiano è conosciuto come Ugni Blanc.
trebbiano-grapes_20220125

all.sign in to leave a review