Cos'è il Primitivo?

Primitivo di Manduria, la storia, il vitigno e le principali caratteristiche di questo rosso di Puglia dalle origini veramente antiche

Di Lucie Robson
Nov 24, 2021
tagAlt.primitivo

Primitivo in 30 secondi

  • Il Primitivo è un'uva piccola e dalla buccia sottile, piena di tannini
  • Produce un vino alquanto fruttato in cui trionfa la confettura di mora, prugna nera e fragola; note evidenti poi di spezie dolci, liquirizia, vaniglia e tabacco
  • Il Primitivo può essere da secco a dolce, da medio a corposo. Ha tannini da medi ad alti, acidità da bassa a media. Possiede un alto grado alcolico
  • È coltivato in tutta l'Italia meridionale, ma principalmente in Puglia. È anche ampiamente piantato in Croazia (dove è conosciuto come Tribidrag e Crljenak Kasteljanski) e in California dove è conosciuto come Zinfandel

Imparare a conoscere il Primitivo

Il Primitivo è coltivato in tutta l'Italia meridionale, ma il suo centro è nella calda e soleggiata Puglia. 

 

Quest'uva prospera in questi climi soleggiati dove produce rese notevoli per vini ad alto volume e particolarmente fruttati.

 

Un passo avanti nella scala di classificazione dei vini italiani, il Primitivo di Manduria è stato designato come DOC nella regione Puglia dal 1974.  Questa designazione significa che il vino è fatto con criteri più severi rispetto all'IGT. In questa zona, quest'uva produce sia stili secchi che dolci con vini complessi e stratificati. Lo stile dolce Primitivo di Manduria Dolce Naturale è diventato la prima DOCG della Puglia nel 2010. È fatto solo nelle annate che promuovono la vendemmia tardiva per ottenere uno zucchero concentrato. Le uve vengono poi appassite con il metodo del passito per una maggiore intensità.

 

Per decenni, la Puglia ha avuto la reputazione di produttore di massa di uva da taglio, ma questa immagine sta cambiando.

Oggi, il Primitivo (soprattutto quello di Manduria) si sta facendo strada sulla scena internazionale dei vini.

apulia_20211124

 

Note di degustazione del Primitivo

Il Primitivo varia nell'aroma e nel profilo del sapore a seconda di dove viene coltivato e di come viene prodotto. A causa del clima caldo della Puglia, però, il fruttato concentrato e l'alcol relativamente alto sono una caratteristica di tutti i vini Primitivo.

 

Puglia IGT: rubino brillante all'occhio, i terreni ricchi di ferro producono uve con frutta rossa e nera, corpo medio e acidità da bassa a media. 

 

Salento IGT: rosso brillante, il Primitivo del Salento è simile al vino Puglia IGT. Come per la Puglia, è dove vengono prodotte enormi quantità di vino, gran parte del quale Primitivo.

 

Primitivo di Manduria DOC: vanta lo stesso rosso rubino e la stessa frutta concentrata e in confettura del Primitivo IGT, ma spesso viene sottoposto a maturazione. Questo aggiunge toni di vaniglia e cuoio, complessità, struttura e longevità. Questo vino è secco e ha un livello minimo di 13% di alcool anche se livelli più alti sono comuni. È di medio corpo con un'acidità media.

 

Gioia del Colle Primitivo DOC: una delle zone di produzione più importanti del Primitivo, Gioia del Colle è simile nel carattere al Primitivo di Manduria, ma presenta una bocca e un corpo più morbidi.

 

Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG: rosso rubino profondo alla vista con accenni di granato, ci sono sentori di frutti di bosco, marmellata, spezie, tabacco e liquirizia. Questo vino ha una consistenza vellutata, è mediamente dolce, corposo, strutturato e presenta un alto grado alcolico grazie al metodo di produzione passito; una buona longevità e un lungo finale.

 

Stili di vino Primitivo e metodi di produzione

Il Primitivo è fatto in due stili principali attraverso diverse tecniche di vigneto e di cantina.

Il Primitivo che si trova nelle denominazioni IGT tende ad essere coltivato ad alti volumi sia per i vini varietali da bere presto che per il taglio. In cantina, è vinificato con o senza l’ausilio del rovere.
 

Le categorie DOC producono Primitivo con metodi di viticoltura e vinificazione più severi rispetto ai vini di livello IGT. Sono permesse solo uve particolari all'interno di confini specifici e metodi di vinificazione rigorosi che conferiscono più finezza ai vini.

 

Il Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG è ottenuto con il metodo del appassimento. La frutta viene raccolta in ritardo per concentrare gli zuccheri e i sapori e poi essiccata al chiuso. Questo intensifica ulteriormente gli aromi, i sapori, il corpo e porta ad una maggiore alcolicità. Quando la frutta viene fermentata, il livello di zucchero naturale è così alto che la fermentazione si ferma senza alcun intervento. Il risultato è un vino ricco e dolce. Ciò significa che non solo richiede specifici metodi di vigna e cantina, ma deve anche essere sottoposto a una speciale degustazione governativa per qualificarsi per la prestigiosa classificazione. I vini DOCG devono anche essere imbottigliati nella zona di produzione. 

primitivo-grapes_20211124

 

Abbinamento con il Primitivo

Il Primitivo è un vino concentrato e profondamente fruttato e da medio a pieno corpo, quindi è necessario abbinarlo a piatti che possano corrispondere alla sua intensità. I seguenti consigli vi aiuteranno.


Carne e pesce

Puglia IGT, Salento IGT, Primitivo di Manduria DOC e Gioia del Colle Primitivo DOC

  • Salumi italiani
  • Costolette al barbecue
  • Agnello e pollo arrosto
  • Costolette di maiale
  • Tutti i tipi di hamburger
  • Selvaggina
  • Salmone
  • Calamari

Piatti vegetariani

Una serie di piatti vegetariani che si abbinano bene ai diversi stili di Primitivo:

  • Verdure grigliate come melanzane, peperoni rossi, funghi, zucchine
  • Risotto ai funghi
  • Olive nere
  • Pasta di tutte le varietà con ricchi sughi di formaggio e pomodoro

Formaggio e dolci

Gli stili secchi di Primitivo si abbinano meglio a formaggi stagionati, mentre il Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG è perfetto per i dolci.

Puglia IGT, Salento IGT, Primitivo di Manduria DOC e Gioia del Colle Primitivo DOC

  • Cheddar piccante, Parmigiano, Gouda affumicato e Halloumi

Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG

  • Formaggi erborinati
  • Qualsiasi cosa purché sia presente il cioccolato fondente (mousse, torta, crostata)

Tipi di Primitivo

Riserva

Oltre alle categorie IGT, DOC e DOCG, alcuni vini Primitivo portano in etichetta la dicitura "Riserva". Questo indica che il vino ha livelli alcolici più alti e un invecchiamento più lungo di quanto previsto dalle leggi locali di denominazione. Il Primitivo Riserva deve avere un minimo di 14% ed essere invecchiato per almeno 24 mesi, nove dei quali in botte.

 

Che tipo di vino è simile al Primitivo?

  • Zinfandel.
  • Amarone della Valpolicella
  • Ripasso della Valpolicella
  • Negroamaro 
  • Côtes de Bordeaux 
  • Nero d'Avola
  • Châteauneuf-du-Pape / Gigondas / Vacqueyras
  • Rioja Reserva e Gran Reserva
  • Bandol
  • Miscele rosse del Pays d'Oc
  • Barossa Shiraz

Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG

  • Recioto della Valpolicella
  • Sherry Pedro Ximenez

 

Fatti divertenti

  • Il Primitivo matura in modo disomogeneo, il che significa che un grappolo può portare uva poco matura, ad uva invece matura e appassita. Questo porta ad aromi e sapori di frutta concentrati ed erbacei e soprattutto permette una seconda opportunità per migliorare o addirittura recuperare gli eventi negativi occorsi nella prima vinificazione
  • Il Primitivo è arrivato, con tutta probabilità in Italia nel 1700
  • Il Primitivo può essere prodotto in uno stile secco, medio-dolce o dolce
  • Il nome Primitivo si riferisce al fatto che quest'uva matura presto - non che sia un tipo di uva "primitivo" o rozzo

 

Primitivowine-grapes-20211124

all.sign in to leave a review