Cos'è l’Arneis?

Il vitigno Arneis è diffuso in Piemonte soprattutto nella zona del Roero. Il vitigno Arneis è coltivato e conosciuto fin dal 1400 nel Roero, tanto per secoli è stato sinonimo di vino bianco assieme al Moscato e ne ha condiviso le sorti

Di Lucie Robson
Feb 10, 2022
tagAlt.arneis

Arneis in 30 secondi

  • L'Arneis è un'uva autoctona del Piemonte nel nord-ovest dell'Italia.
  • Quest'uva produce vini bianchi secchi.
  • A volte è anche fatto in uno stile più dolce di passito.
  • È di colore giallo-verde paglierino.
  • Mostra pesca, mela, miele, mandorla, camomilla e noce moscata.
  • L'Arneis ha un corpo medio-pieno e una bassa acidità.
  • Questo vino ha di solito 11,5-13,5% di alcol.
  • Appare in diverse denominazioni tra cui Langhe DOC e Terre Alfieri DOCG.
  • Il più celebre è il Roero DOCG.
  • Piccole quantità crescono anche in Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti.

 

Conoscere l'Arneis

L'Arneis proviene dall'iconico Piemonte nel nord-ovest dell'Italia. I ricercatori sostengono che il vitigno è cresciuto in questa regione da diversi secoli. Tuttavia, questa è solo una speculazione che si basa su uve con nomi simili che appaiono nei registri di viticoltura del 15° secolo.

 

Per anni, l'uva è stata usata in miscele con il Nebbiolo per ammorbidire i tannini di quest'ultimo. I vignaioli piantavano anche l'Arneis vicino al Nebbiolo in modo tale gli uccelli e gli insetti affamati si potessero cibare dell'uva bianca meno preziosa piuttosto che sul pregiato vitigno nero.

 

 

Tutto questo cambiò quando i viticoltori passarono a produrre vini varietali di Nebbiolo (alias Barolo e Barbaresco) e, alla fine degli anni '60, la regione vinicola del Piemonte sperimentò una rinascita dell'interesse per i suoi vini. 

 

A quel tempo, le piantagioni di Arneis erano molto basse, ma Alfredo Currado della famosa famiglia di viticoltori Vietti non lo fece precipitare sull'orlo dell'estinzione e gradualmente lo affermò come il fine e ricercato vitigno che è oggi. La maggior parte dell'Arneis del mondo cresce in Piemonte.

 

L'Arneis è solitamente secco, ma appare anche in stili dolci passiti che lo rendono un vino versatile per il cibo.

 

Sapori di Arneis

L'Arneis secco è un vino bianco fresco con una tonalità giallo-verde. Vanta note fruttate di frutta a nocciolo e alcuni agrumi così come miele, spezie dolci e sentori di noci.

 

 

Fa vini da medi a corposi e ha una bassa acidità, una caratteristica che lo rende un vino da cibo versatile. Gli stili di Passito mostrano miele e spezie più profonde con note di caramello e vaniglia, il tutto bilanciato da frutta fresca e acidità.

 

Stili di vino Arneis

L'Arneis è prodotto negli stili secco e passito. Il primo tende ad essere di corpo medio o pieno con strati di frutta e noci, dandogli un'impressione di secco. È generalmente adatto ad essere bevuto giovane. Il secondo è invece dolce e ricco, il che lo rende perfetto per i piatti dolci.

vineyard-roero_202202

 

Arneis: Abbinamento con il cibo

Lo stile secco dell'Arneis è ricco e fruttato, con una bassa acidità che lo rende un partner ideale per una serie di piatti. Anche se è secco, il frutto robusto dà un'illusione di dolcezza leggera rendendo questo vino un buon complemento a piatti caldi e piccanti.

 

Lo stile passito è stratificato e ricco, ideale per i dessert. Per entrambi gli stili, evitate piatti dal sapore molto forte perché gli aromi e i sapori molto forti mascherano il frutto di questi vini.

 

Arneis secco

  • Antipasti: Ostriche; salumi; spuntini indiani piccanti come i samosa; 
  • Carne e pesce: Calamari; Spaghetti alla Carbonara; pollo arrosto; branzino alla griglia; gamberi alla griglia; curry dolce; risotto ai frutti di mare; maiale arrosto; piatti di prosciutto.
  • Verdure: Spaghetti Aglio e Olio; pasta cremosa; verdure arrosto; pizza ai quattro formaggi; insalate con condimenti cremosi; curry di verdure dolci.
  • Formaggio: Mozzarella, Brie, Emmenthal, Pecorino Romano, Gorgonzola o Provolone.

 

Passito Arneis

  • Antipasti: si abbina bene ad antipasti leggermente piccanti e a piatti principali come quelli elencati sopra, ma brilla veramente come vino da dessert.
  • Formaggio: Un tagliere di formaggi con parmigiano, brie, pecorino romano e gorgonzola. Aggiungete frutta secca come mandorle e nocciole. 
  • Dessert: Panna cotta; torta di pesche; meringa di frutta con nocciolo; torte e pasticcini alla frutta secca e speziata; dessert con miele e caramello.

 

 

Le Migliori Denominazioni / Zone di Arneis

La denominazione di punta per l'Arneis è il Roero DOCG, che è diventato sinonimo di quest'uva. Questa denominazione si trova a nord-ovest di Alba sul lato opposto del fiume Tanaro rispetto al Barolo e, come tale, si è guadagnata il soprannome di "Barolo Bianco".

 

L'Arneis del Roero DOCG è generosamente fruttato con note di pera e albicocca, completate da leggeri cenni floreali e cremosi di mandorle e nocciole.

oysters_arneis_20220208

 

Arneis: Origine

L'Arneis è originario del Piemonte dove le testimonianze della sua coltivazione, in particolare nel Roero, risalgono al 1400.

 

Al volgere del 20° secolo, questa famosa regione vinicola italiana ha visto le piantagioni di Arneis ridursi notevolmente a causa della sua notoriamente difficile formazione e della sua propensione alle basse rese. 

 

 

Alla fine degli anni '60, l'Arneis cominciò a vivere una rinascita grazie al lavoro meticoloso e paziente del viticoltore Alfredo Currado. Tradizionalmente utilizzato per ammorbidire le miscele, sotto l'occhio di Currado, l'Arneis ha gradualmente guadagnato una posizione come un fine vino varietale secco e passito

 

 

L'Arneis è a volte indicato come Nebbiolo Bianco, ma i legami genetici con la leggendaria uva rossa del Piemonte, sono molto tenui. Alcuni ampelografi sostengono che l'Arneis è un nipote del Nebbiolo. Tuttavia, nel Roero, la dicitura “Nebbiolo Bianco” è dovuta alla sua posizione appena al di là del fiume da Barolo.

 

 

Come è fatto l'Arneis?

L'Arneis è difficile da coltivare perché ha un'acidità naturalmente bassa e può diventare rapidamente troppo maturo se lasciato troppo tempo sulla vite. La varietà può anche soffrire di peronospora, anche se i cloni che sono più tolleranti a questa condizione sono ora più utilizzati. Tutti questi fattori influenzano la coltivazione e la vinificazione dell'Arneis.

 

I vignaioli hanno capito che il tipo di suolo può influenzare notevolmente il profilo dell'Arneis. I terreni sabbiosi calcarei intorno al Roero favoriscono lo sviluppo di una maggiore acidità, mentre i terroir ricchi di argilla producono vini molto aromatici.

 

L'Arneis secco ha bisogno di una vendemmia accuratamente programmata in modo che la frutta conservi gli aromi e i sapori brillanti, così come l'acidità.

 

La vinificazione è altrettanto meticolosa con una pressatura delicata e una vinificazione atta a preservare e promuovere il fruttato.

 

Il Passito Arneis è fatto con frutta che è stata raccolta presto per trattenere l'acidità e poi essiccata al chiuso sulla paglia. Questo processo concentra gli zuccheri e i sapori dando vita a un vino pieno, ricco e delicatamente dolce.

 

L'Arneis appariva nei tagli di Nebbiolo del Roero, ma questa pratica sta gradualmente diminuendo a favore dei rossi varietali.

 

Che tipo di vino è simile all'Arneis?

Fatti divertenti

  • Si dice che l'Arneis significhi "piccolo mascalzone" perché è difficile da coltivare!
  • Quest'uva ha affrontato la quasi estinzione prima della sua rinascita alla fine del 20° secolo.
  • L'Arneis ha diversi nomi tra cui Bianchetta, Bianchetto, Bianchetto di Alba e Nebbiolo Bianco. 
roero-arneis_20220208

all.sign in to leave a review