Chi ha inventato la pizza? Ecco la vera storia della pizza

Scopri come la pizza sia diventata così popolare nel tempo. .Una storia millenaria e una tradizione tutta italiana conosciuta in ogni angolo del mondo: ecco la vera storia della pizza!

Di Nina Bernheim
Aug 10, 2020
tagAlt.Pizza Margherita Sliced Cover

Qual è la storia della pizza?

Perché si chiama Pizza?

Sono pochi i posti al mondo che oggi non hanno una loro versione della pizza, a dimostrazione di quanto questo piatto abbia viaggiato per il mondo! I linguisti credono che la parola pizza derivi da una vecchia parola italiana che significa "un punto".  Questo è mutato in italiano "pizzicare". 

pizzaiolo_2000505

Dove è nata la Pizza?

La pizza stessa può avere avuto origine dai Fenici, dai Greci, o dai Romani, o da qualsiasi popolazione che mescolava la farina con l'acqua e poi riscaldava l'impasto su una pietra calda. In una delle sue molteplici forme, la pizza è stata una parte fondamentale della dieta italiana fin dall'età della pietra.

 

Questa prima forma era un pane cotto sotto le pietre di un fuoco. Dopo la cottura, il pane veniva 'condito' con vari ingredienti e utilizzato al posto di piatti e utensili. Alcuni storici ritengono che l'idea di usare il pane come piatto sia nata con i Greci che mangiavano pane tondo piatto (plankuntos) cotto con altri ingredienti sopra. Sappiamo che era un alimento della classe operaia per il suo basso costo di produzione e la facilità di approvvigionamento e di consumo.  Il pane è sempre stato al centro di una dieta a basso costo in Italia, pizza compresa.  

 

Qual è la storia della pizza?

VI secolo a.C. - Al culmine dell'impero persiano, i soldati di Dario il Grande, abituati a lunghe marce, cuocevano un pane piatto piatto sui loro scudi, per poi ricoprirlo  con formaggio e datteri. III secolo a.C. - Marcus Porcius Cato, noto come Catone il Vecchio, è ricordato soprattutto per aver scritto la prima storia di Roma. I suoi scritti raccontano di "tondo piatto di pasta condito con olio d'oliva, erbe aromatiche e miele cotto su pietre". 

 

I secolo a.C. - Nell'"Eneide" di Virgilio troviamo una descrizione del pane: "Sotto un albero ombroso, l'eroe stendeva la sua tavola sul tappeto erboso, con torte di pane; e, con i suoi capi, sui frutti della foresta che nutriva. Essi saziano; e (non senza il comando del dio). La loro casalinga lontana spedizione, la banda affamata invade poi le loro trincee, e presto divora per riparare il pasto profumato, le loro torte di farina... Vedi, noi divoriamo i piatti di cui ci siamo nutriti". 

 

79 d.C. - In seguito all'eruzione del Versuvio, a Pompei furono trovate prove di una torta di farina piatta cotta e mangiata sia a Pompei che nella vicina Neopoli, la colonia greca che divenne Napoli. Sono state trovate anche prove di botteghe, complete di lastre di marmo e altri strumenti del mestiere, che ricordano le odierne pizzerie. Il Museo Nazionale di Napoli espone una statua di Pompei chiamata I pizzaiolo, grazie alla sua posizione e al suo soggetto. 

XVIII secolo - La regina Maria Carolina d'Asburgo Lorena, moglie del re di Napoli Ferdinando IV, fece costruire un forno speciale nel loro palazzo estivo di Capodimonte affinché il loro chef potesse servire pizze per sè e per i suoi ospiti. 

pizza-margherita_5851611842393

 

L'innovazione della Pizza grazie al pomodoro

XVI secolo - I pomodori sono stati portati in Europa dal Nuovo Mondo (Perù). Originariamente ritenuti velenosi, i più poveri di Napoli aggiunsero per necessità il pomodoro al loro impasto di lievito e crearono la prima vera pizza così come la conosciamo oggi.  In genere avevano accesso solo a farina, olio d'oliva, strutto, formaggio ed erbe aromatiche, che usavano al meglio per fornire nutrimento alle loro famiglie.

 

Pizza e Napoli

La pizza, però, piacque a tutte le popolazioni del paese e, sorprendentemente, la tradizione napoletana divenne una delle preferite a tutto tondo. La Taverna dei Cerrigloi era un luogo di ritrovo per i soldati spagnoli del Viceré, e le testimonianze storiche mostrano che i soldati vi accorrevano per festeggiare la specialità della casa: la pizza. 

 

XVII secolo - La pizza aveva ormai raggiunto una popolarità tra i visitatori di Napoli.  Si avventuravano nelle zone più povere per assaggiare questo piatto contadino fatto da uomini, già chiamati "pizzaioli". 

 

Perchè si chiama Pizza Margherita?

Ottocento - Umberto I, re d'Italia, e sua moglie, la regina Margherita di Savoia, durante una vacanza a Napoli, chiamarono nel loro palazzo il più popolare dei pizzaioli, Raffaele Esposito, per assaggiare le sue specialità. Egli preparò tre tipi di pizze: una con grasso di maiale, formaggio e basilico, una con aglio, olio e pomodori, e una terza con mozzarella, basilico e pomodori (nei colori della bandiera italiana).

La Regina adorava così tanto l'ultima pizza che inviò una lettera allo chef ringraziandolo ed esprimendo il suo apprezzamento per le sue creazioni. Raffaele Esposito ha dedicato alla Regina la sua specialità e l'ha chiamata "Pizza Margherita". Questa pizza ha fatto da apripista per le pizze moderne e ha fatto di Napoli la capitale mondiale della pizza.

 

 Alla fine del XIX secolo, la pizza era considerata a Napoli un cibo da strada adatto a qualsiasi pasto (anche a colazione). Era tagliata da una grande teglia cotta nel forno del panettiere e caratterizzata da un semplice condimento di funghi e acciughe. Man mano che la pizza diventava più popolare, venivano allestite delle bancarelle dove la pizza veniva fatta su ordinazione. Furono inventati vari condimenti. Le bancarelle si trasformarono presto in pizzerie, luoghi all'aperto dove la gente si riuniva, mangiava e beveva. 

pizza_states_20020505

Quando è arrivata la Pizza negli Usa?

Gli italiani emigrarono in America nella seconda metà del XIX secolo, portando con sé la pizza e altre tradizioni culinarie. La pizza fu introdotta a Chicago da un venditore ambulante che vendeva pizza a Taylor Street.  Il metodo ricordava quello tradizionale napoletano di vendere la pizza. 

 

Novecento - Gennaro Lombardi sostiene di aver aperto la prima pizzeria negli Usa.  Il suo locale si trovava a New York al 53 1/2 di Spring Street. Oggi Lombardo è ricordato come il 'Patriarca della Pizza'. All'inizio degli anni Trenta del secolo scorso il ristorante fu ampliato con tavoli e sedie, e gli spaghetti furono inclusi nel menù.

 

 Anni '40 - La pizza in stile Chicago è stata creata da Ike Sewell al suo bar e grill Pizzeria Uno.  I clienti amano questa pizza con una crosta a strati molto alta con un ripieno più che un condimentoi.    La presenza di soldati americani in Italia durante la seconda guerra mondiale ha portato un grande apprezzamento per la pizza.  Quando i soldati tornarono negli Stati Uniti, riportarono questo amore, e nel 1948, a Worcester, Massachusetts, fu prodotta la prima pizza commerciale "Roman Pizza Mix" di Frank A. Fiorello. 

 

Anni '50 - Celebrità di origine italiana come Jerry Colonna, Frank Sinatra, Jimmy Durante e la star del baseball Joe DiMaggio divoravano pizze.  Le pizze surgelate venivano introdotte e vendute nei negozi di alimentari locali. La prima fu commercializzata dai fratelli Celentano. La pizza divenne ben presto il più popolare tra tutti i cibi surgelati, e ancora oggi gode di un posto speciale in tutto il mondo.

pizza_margherita_20220505

all.sign in to leave a review