Cos'è la Barbera? Il vino, il vitigno e le caratteristiche

Viticoltura ed enologia del vitigno Barbera. I vini Barbera e le zone di coltivazione per il vitigno Barbera. Tutti i vitigni della regione Piemonte dell'Italia e del mondo.

Di Lucie Robson
Apr 28, 2022
tagAlt.barbera

Barbera vino (Vitigno) in 30 secondi

  • Il Barbera è un vitigno nero che produce vini rossi di colore intenso.
  • Ha la pelle scura ed è originario del Piemonte dove cresce la maggior parte della Barbera.
  • Questa cultivar cresce anche in Campania, Emilia-Romagna e Lombardia.
  • È famoso per la sua alta acidità.
  • La Barbera (vino) ha un corpo medio-pieno e tannini bassi.
  • Mostra ciliegia fresca croccante, frutta nera, liquirizia, erbe secche e pepe nero.
  • Quest'uva appare in vini varietali e miscele.
  • Appare in circa 35 denominazioni in tutta Italia.
  • Barbera d'Alba DOC, Barbera d'Asti DOCG e Nizza DOCG sono alcune delle sue denominazioni più celebrate.
  • Il suo livello di alcol è tipicamente tra il 13,5% e il 15%.

 

Che cos'è la Barbera?

La Barbera è una delle tre uve simbolo del Piemonte insieme al Nebbiolo e al Dolcetto. Quest'uva nera è famosa per la sua comparsa nei vini Barbera d'Alba e Barbera d'Asti, ma produce anche vini freschi e di qualità nel resto del Piemonte e oltre. Altre regioni italiane per la Barbera sono rappresentate dall’Emilia-Romagna, Lombardia, Puglia, Campania, Sicilia e Sardegna. Infatti, all'inizio del 21° secolo, la Barbera era il terzo vitigno più piantato in Italia dopo il Sangiovese e il Montepulciano. 

flavor_barbera_200220428

 

Conoscere la Barbera

La Barbera si trova spesso all'ombra della sua prestigiosa uva piemontese, il Nebbiolo. Questo stato di cose non è giusto perché la Barbera ha molto da offrire, quindi trascurarla è a vostro rischio e pericolo! E' molto meno tannica dell'uva che ha reso famosi Barolo e Barbaresco, mentre offre un buon corpo e brillanti sapori fruttati e di spezie. Mentre i vini Nebbiolo tendono ad essere riservati alle occasioni speciali, la Barbera è una bellezza quotidiana.

 

Quest'uva ha i sapori e le strutture che la rendono ideale per miscele e vini monovarietali. Quest'uva viaggia bene, adattandosi a diversi terroir e climi. Oltre che in Italia, la Barbera è coltivata anche in Grecia, Slovenia, Sud Africa, Australia, California e Argentina. 

 

Quali sono i sapori della Barbera?

Da giovane la Barbera mostra ciliegia rossa fresca, erbe, mora, alta acidità e tannini morbidi. Gli stili maturi invecchiati in botte hanno più concentrazione di frutta e sono leggermente più tannici a causa dei tannini del legno. Quando sono giovani, la maggior parte dei vini Barbera hanno un carattere rosso-ciliegia brillante, che si distingue dal Nebbiolo (che spesso mette in ombra la Barbera) per tannini più morbidi e una certa rotondità. Quando viene maturato in botte e lasciato invecchiare in bottiglia per alcuni anni, questo si trasforma in note più dense di ciliegia acida.

 

Quali sono gli stili del Barbera?

La Barbera produce vini rossi secchi in stili standard e Superiore.

ossobuco_20220428

 

Quale cibo abbinare con la Barbera?

Nonostante il suo colore scuro, la Barbera è un vino dal gusto ingannevolmente leggero. Il suo profilo fruttato combinato con bassi tannini e alta acidità rendono quest'uva un vino ideale per l'abbinamento con cibi grassi. Continuate a leggere per idee riferite all’abbinamento perfetto:

 

Barbera Abbinamento con il cibo

  • Antipasti: Prosciutto; salame; olive nere; bruschetta con erbe e pomodori.
  • Entrate principali: Pollo alla parmigiana; pollo arrosto; penne alla vodka; gnocchi in salsa di salvia e burro; pasta alla carbonara; tutte le pizze; piatti di baccalà; lasagne; risotto al tartufo; ossobuco; arancini.
  • Formaggio: Pecorino giovane; formaggio di capra; formaggi erborinati.
barbera_grapes_20220428

 

Quali sono le migliori denominazioni/zone del Barbera?

La Barbera d'Alba DOC e la Barbera d'Asti DOCG sono i vini di punta fatti con quest'uva, ma esempi straordinari appaiono in tutto il Piemonte. Quest'uva è presente anche nel Nizza DOCG, nel Canavese DOC, nella Barbera del Monferrato DOC e nella Barbera del Monferrato Superiore DOCG. Altrove in Italia, le denominazioni degne di nota, sempre per la Barbera, riguardano l'Oltrepò Pavese DOC.

 

Quale è l'origine del Barbera?

In comune con molte uve indigene italiane, la Barbera è una varietà antica. La sua prima apparizione nella documentazione vinicola si trova in un documento del tardo 18° secolo del corpo agrario di Torino.

 

La ricerca sul DNA mostra che la Barbera è la progenie dell'uva italiana Coccalona Nera (Orsolina). 

 

Come si fa il Barbera? 

La Barbera matura dopo il Dolcetto e prima del Nebbiolo. Se la cava bene nei luoghi freschi e, con grande gioia dei gestori di vigneti, è piuttosto resistente alla muffa. Mentre la Barbera ha le proprietà che la rendono adatta ai climi più caldi, se le condizioni sono troppo calde, il gusto diventa “marmellata” e piatto.

 

I viticoltori tradizionali preferiscono una lunga macerazione e una quercia minima per ottenere colore e frutta intensi. Altri preferiscono bilanciare il frutto della Barbera con la quercia per uno stile più rotondo e internazionale.

 

Gli stili superiori di Barbera hanno un livello di alcol leggermente più alto di quello previsto dalla denominazione specifica.

bottles_barbera_20220428

 

Che tipo di vino è simile al Barbera?

  • Mourvèdre, Bandol, Francia.
  • Red Blend, Languedoc-Roussillon, Francia.
  • Miscela di Cabernet Sauvignon, Valle di Maipo, Cile.

 

Fatti divertenti

  • La Barbera è messa in ombra ingiustamente e spesso dal Nebbiolo.
  • Quest'uva ha almeno 20 sinonimi tra cui Barbera d'Asti, Barbera Dolce, Barbera Fina, Barbera Forte, Barbera Grossa, Barbera Riccia e Barbera Vera.
  • È a maturazione tardiva e resistente alle malattie fungine, il che rende il vitigno abbastanza semplice da lavorare per i viticoltori.
discover_grapes_varieties_en

all.sign in to leave a review