Cos'è il Dolcetto? Vino, vitigno, storia, caratteristiche organolettiche e zone di produzione del Dolcetto

Il Dolcetto è ampiamente coltivato in Piemonte, nell'Italia nord-occidentale. In questa iconica regione vinicola, è spesso considerato il terzo vitigno dopo Nebbiolo e Barbera e vanta diverse prestigiose denominazioni DOC e DOCG

Di Lucie Robson
Dec 12, 2021
tagAlt.Piedmont

Dolcetto vino (vitigno) in 30 secondi

  • Il Dolcetto è un'uva nera iconica del Piemonte in Italia che produce vini rossi secchi con un profondo colore viola.
  • Il Dolcetto è una varietà a germogliamento e maturazione precoce.
  • Quest'uva ha aromi e sapori di prugna, ciliegia rossa e mora.
  • Vanta anche violetta, cacao, liquirizia, erbe secche e note di pepe nero.
  • È caratterizzato da bassi tannini e da un'acidità medio-bassa.
  • I vini Dolcetto sono da medi a corposi con alcool medio. 
  • Questo vino può essere bevuto giovane o moderatamente invecchiato.
  • Tra i vini degni di nota ci sono il Dolcetto di Dogliani DOCG e il Dolcetto di Diano d'Alba DOCG.

 

Imparare a conoscere il Dolcetto

 Il Dolcetto è ampiamente coltivato in Piemonte, nell'Italia nord-occidentale. In questa iconica regione vinicola, è spesso considerato il terzo vitigno dopo Nebbiolo e Barbera e vanta diverse prestigiose denominazioni DOC e DOCG. Mentre la maggior parte della produzione di Dolcetto è in Piemonte, quest'uva appare anche in altre regioni d'Italia con denominazioni DOC e IGT, in Australia e negli Stati Uniti.  

dolcetto_flavors_20220428

 

Quali sono i sapori del Dolcetto?

Il Dolcetto vanta sapori e caratteristiche che lo rendono adatto a essere gustato non più di tre o quattro anni dopo la vendemmia. Mostra frutta nera brillante, con note speziate e toni di mandorla e noce. I tannini sono medi e morbidi, mentre l'acidità è sul lato basso. Il Dolcetto si presta bene a vini leggeri, fruttati, da bere giovani e, simile al Beaujolais Nouveau in Francia, alcune denominazioni italiane permettono una versione Novello. All'altra estremità dello spettro, i migliori esempi possono invecchiare per diversi anni. 

dolcetto_grapes_2804222

 

Quali sono gli stili del Dolcetto?

Il Dolcetto è prodotto attraverso una gamma di stili di vino secco e fermo, all’interno delle classificazioni DOC, DOCG e Superiore.  

 

Dolcetto DOC

Le categorie DOC producono Dolcetto con metodi di viticoltura e vinificazione più severi rispetto ai vini di livello IGT. Solo certe uve all'interno di confini prestabiliti e metodi di vinificazione rigorosi sono permessi, con il risultato di vini che riflettono una particolare regione.  

 

Dolcetto DOCG

Questo significa che il vino richiede metodi specifici di vigna e cantina, oltre a una disposizione governativa. Questa prestigiosa classificazione di vini deve anche essere imbottigliata nella zona di produzione.  

 

Dolcetto Superiore

Questo termine significa che il vino ha un volume di alcol superiore a quello richiesto dalla denominazione.

lasagne-20211209

 

A cosa abbinare il Dolcetto?

Il Dolcetto è un vino adatto al cibo che si abbina bene con una serie di piatti. La chiave di lettura per un abbinamento di successo con il cibo è quella di tenere a mente il suo profilo di frutta nera, con in più il carattere secco e la media acidità.  

 

Dolcetto Abbinamento con il cibo

dolcetto_bottles_20220428

 

Che tipo di vino è il Dolcetto?

I vini di Dolcetto combinano la potenza con un fruttato gentile; hanno un buon corpo e un buon peso. Quest'uva è famosa per i suoi vini freschi, da bere giovani, così come per gli stili che hanno la struttura e l'alcol per anni di invecchiamento. Alba in Piemonte è uno dei luoghi principali per il Dolcetto, con Dogliani che lo segue da vicino.

 

Diamo uno sguardo ad alcuni dei più noti esempi di Dolcetto Alba DOC, Diano d’Alba DOCG e Dogliani Superiore DOCG.  

 

Dolcetto d'Alba DOC

Dolcetto d'Alba DOC Questo è uno stile secco molto popolare e molto rispettabile di Dolcetto DOC. La maggior parte dei produttori di Alba, di Barolo e Barbaresco fanno anche un Dolcetto. Il terreno collinare e il terroir superiore di questo lembo nord-orientale di Cuneo lo rendono una zona ideale per la viticoltura. Il Dolcetto e molti altri vitigni prosperano qui. 

 

  • Questo Dolcetto è concentrato e fruttato.
  • Ha note simili al cacao e sfumature di mandorla. 

Il Dolcetto d'Alba entro tre anni dal rilascio dà il suo meglio.  

 

Dolcetto di Diano d'Alba DOCG 

Il Dolcetto di Diano d'Alba DOCG può provenire solo da uno dei 75 cru approvati a Diano vicino a Serralunga

 

  • Questo vino ha una gradazione alcolica minima del 12%.
  • Mostra note fruttate rosse e nere.
  • Ha anche note di quercia e un sottofondo di mandorla. 

Il Dolcetto di Diano d'Alba DOCG è considerato tra i migliori vini del Piemonte. Si gusta al meglio, entro quattro anni dal rilascio.

 

Dolcetto di Dogliani Superiore DOCG 

Il Dolcetto di Dogliani Superiore DOCG è una delle migliori DOCG per quest'uva. La leggenda dice addirittura che questa varietà è apparsa per la prima volta in Piemonte quando è stata piantata in questa zona nel 1500. La zona dei vigneti di Dogliani comprende 21 diversi comuni della provincia di Cuneo, tra cui la stessa città di Dogliani.

 

  • Questo profondo vino rosso rubino vanta un concentrato di frutta nera. 
  • Ha sfumature di mandorla.
  • Deve invecchiare per un minimo di un anno prima del rilascio. 
  • Il suo livello di alcol è 13%.

Il Dolcetto di Dogliani Superiore DOCG può invecchiare fino a cinque anni in bottiglia.  

serra-lunga-dalba-20211209

 

Dove si coltiva il Dolcetto?

Il Dolcetto è coltivato principalmente a Cuneo e Alessandria nella regione del Piemonte nord-occidentale in Italia. Viene prodotto in Dolcetto d'Acqui DOC, Dolcetto d'Alba DOC, Dolcetto d'Asti DOC, Dolcetto delle Langhe Monregalesi DOC, Dolcetto di Diano d'Alba DOCG, Dolcetto di Diano d'Alba Superiore DOCG, Dolcetto di Dogliani DOC, Dolcetto di Dogliani Superiore DOCG, Dolcetto di Ovada DOC e Dolcetto di Ovada Superiore DOCG

 

Questo clima secco e moderato ha inverni lunghi e freddi e spesso sperimenta temporali, grandine e nebbia in estate. Il Dolcetto è spesso piantato ad altitudini piuttosto elevate, perché matura presto e può sopportare i climi freschi. L'altitudine favorisce la poca acidità naturale del Dolcetto, aiutando la produzione di vini equilibrati.  Il Dolcetto cresce in altre regioni italiane per l'utilizzo in vari vini DOC e IGT, in particolare in Liguria, appena a sud del Piemonte.

 

Viene coltivato anche negli Stati Uniti, in Canada, in Nuova Zelanda e in Francia. Tuttavia, il 98% delle sue coltivazioni sono in Italia con il Piemonte, che fa la parte del leone.

 

Come si fa il Dolcetto?

I viticoltori producono il Dolcetto attraverso i processi standard di vinificazione in rosso, anche se occorre fare maggiore attenzione a certi passaggi rispetto ad altre uve. In particolare, il Dolcetto ha semi molto tannici e amari, così la frutta deve essere sottoposta a una pressatura delicata per evitare che questi componenti vengano rilasciati e rovinino il vino. Inoltre, la macerazione in ogni fase del processo di vinificazione tende ad essere breve per evitare troppa estrazione tannica.  

 

Gli stili di Dolcetto giovane e fruttato DOC e IGT varietale e blend sono spesso vinificati in acciaio piuttosto che in rovere, per preservare la purezza degli aromi e dei sapori. Gli stili DOCG e Superiore di Dolcetto più grandi e audaci, che vantano una maggiore alcolicità, possono essere invecchiati in legno per aggiungere struttura tannica. A volte vengono usate vecchie botti neutre per evitare che i sapori della quercia interferiscano con il frutto. 

 

Il Dolcetto fatto dai migliori cru ha una vendemmia in un preciso periodo temporale, un'attenta estrazione e trattamento del rovere, al fine di ottenere vini complessi con un'eccellente longevità.  

bottles_dolcetto_28042022


Quale tipo di vino è simile al Dolcetto?

Dolcetto DOC/IGT giovane

  Dolcetto DOCG/ Superiore maturo

  • Barbaresco.

 

Fatti divertenti

  • Il nome Dolcetto significa "piccolo dolce", un riferimento ironico considerando che è tutt'altro che dolce!
  • La denominazione si riferisce alla particolare composizione degli acini, succosi e di insolita dolcezza, che un tempo venivano utilizzati per la “cura dell’uva”, una pratica depurativa dettata dall’esperienza popolare.
  • Il Dolcetto ha quasi 100 sinonimi.
  • Il Dolcetto è una delle tre uve piemontesi di punta e sta guadagnando terreno in termini di popolarità.
  • Il 98% del Dolcetto mondiale cresce in Italia.
scopri_vitigni_20220422

all.sign in to leave a review